Main logo
Diagnosi

Il monitoraggio del ciclo e gli esami ormonali in caso di infertilità

Ciclo monitoraggio diagnostica

Siccome nel nostro corpo i semiochimici regolano tanti processi questi ultimi possono essere anche il motivo per la fertilità ridotta dovuta allo squilibrio ormonale. Una volta che è stata determinata la causa per il problema ormonale la relativa cura, anche in caso di infertilità, è semplice e promettente.

Un'indicazione per uno squilibrio ormonale può essere il ciclo mestruale irregolare oppure anovulatorio. Per fare una diagnosi più precisa in caso di infertilità di coppia è utile eseguire il monitoraggio del ciclo, insieme agli esami ormonali, per poter determinare il momento migliore per una fecondazione.

Come si svolgono i monitoraggi del ciclo


Tramite esami ecografici e analisi del sangue a intervalli regolari nel ciclo è possibile determinare se il follicolo cresce adeguatamente oppure se c'è un disturbo nella maturazione, e se i livelli ormonali corrispondono alla fase del ciclo.


I monitoraggi fanno anche parte di un percorso di fecondazione assistita come l'inseminazione intra-uterina

Gli esami ormonali in caso di infertilità



La prolattina


Fra gli ormoni da esaminare in caso di infertilità uno di quelli più importanti è la prolattina, la quale è responsabile di mantenere stabile la fase luteale (l'ultima fase del ciclo, ovvero la prima fase del estrociclo) e quindi deve essere prodotta in maniera sufficiente.


La prolattina inibisce il ribasso del livello progestinico. Dall'altra parte l'iperprolattinemia (livelli di prolattina troppo alti) può causare un disturbo nella produzione dell'ormone GnR e di conseguenza può portare all'anovulazione (mancata ovulazione) e all'infertilità. I valori di riferimento della prolattina sono fra i 5 e i 25 ng/ml. Valutando i livelli di prolattina è importante considerare alcuni fattori importanti. Siccome i livelli possono variare in maniera circadiana e salgono il pomeriggio e nelle prime ore serali è utile fare il prelievo di sangue la mattina fra le ore 7 e 10 per avere dei valori standardizzati.



Anche la fase del ciclo deve essere quella giusta, perchè nella fase luteale (ultima fase del ciclo) i valori della prolattina, essendo responsabili per mantenere stabile la concentrazione di progesterone, tendono ad essere aumentati. Alcune medicine, come i psicofarmaci, possono avere effetto sulla produzione di prolattina e di conseguenza influrie sulla concentrazione nel sangue.


Possibili motivi per la prolattina al di fuori dei valori di norma: 


Un valore leggermente elevato (p.e. tra i 30 e i 50 ng/ml) potrebbe essere un'indicazione per l'ipotiroidismo. In quel caso c'è una produzione elevata del TRH reattivo, un ormone ipotalamico prolattina-stimolante che stimola anche la produzione del TSH (valore che indica la funzionalità tiroidea) nell'ipofisi. Un altro motivo può essere il consumo precedente di farmaci tranquillanti o sedativi.



La terapia: 


La terapia in caso di iperprolattinemia consiste nell'uso cauto di medicinali a base di bromocriptina e lisuride. Entrambi fanno effetto sull'equilibrio dopaminico, il quale è importante anche per altri organi nel corpo. L'assunzione di farmaci che abbassano la prolattina può quindi portare a numerosi effetti collaterali. Lo zinco è un'altra sostanza che può abbassare il valore della prolattina quindi un tentativo di terapia potrebbe essere quello di somministrare Zinkorotat® e, nel caso in cui la prolattina non si abbassa, passare al trattamento ormonale classico. Durante il consumo di sedativi o in caso di ipotiroidismo non è utile prescrivere farmaci per abbassare la prolattina ma si consiglia di sospendere i tranquillanti o concentrarsi sulla cura della disfunzione tiroidale.


La tiroide


Sia l'iper- che l'ipotiroidismo influiscono sulla capacità fertile di una donna. L'ipotiroidismo non solo può portare a sintomi come la perdita di capelli, stanchezza e pelle secca ma anche all'anovulazione e all'amenorrea (assenza delle mestruazioni). Anche in caso di aborti multipli deve essere considerata un'eventuale ipotireosi subclinica.

La terapia:

La terapia consiste nella correzione della disfunzionalità tiroidale. Esistono disturbi endocrinologi meno frequenti come il morbo di Addison, il morbo di Cushing e l'acromegalia. Siccome anche questi possono influire negativamente sulla riproduzione femminile è importante prenderli in considerazione.


I dosaggi delle gonadotropine (FSH, LH)


Il dosaggio del FSH è utile per escludere una menopausa precoce (climacterium praecox). Nel caso in cui una paziente riporta di amenorrea (assenza del ciclo mestruale), vampate di caldo e altre sensazioni di malessere bisogna considerare, anche per altri motivi tranne l'infertilità, che si possa trattare di una menopausa precoce. Un'amenorrea ipogonadotropa in giovane età può portare ad un maggior catabolismo osseo e causare alterazioni cardiovascolari e sintomi neuro-degenerativi.


Le cause per la menopausa precoce ancora non sono ben determinate. Vi sono alcune prove che si tratta – simile alla tiroidite di Hashimoto – ad una „digestione“ autoagressiva dell'ovaio (organo sessuale femminile), il quale, nella maggior parte dei casi, è sottosviluppato e dimostra un deficit di follicoli secondari e terziari.



La terapia:  


La terapia per la menopausa precoce deve essere quella sostitutiva (somministrazione della sostanza mancante). 


I valori di FSH/LH e l'ovaio policistico (sindrome PCO): 


Livelli troppo alti di FSH/LH possono essere segno di un ovaio policistico (sindrome PCO). Una relazione FSH/LH più alto di 3 non solo indica un disturbo intraovariale della maturazione follicolare, il quale può essere diagnosticato anche tramite esame ecografico, ma anche un problema endocrinologico. Quest ultimo, in caso di valori elevati di LH, può essere accompagnato dall'iperandrogenemia (vedi sotto) e dalla resistenza all'insulina.


La sindrome PCO è caratterizzato dalla presenza di numerosi follicoli nelle ovaie di cui nessuno ha la capacità di diventare un follicolo dominante maturo. Restano bloccati in una fase precoce e conferiscono alle ovaie un aspetto da „groviera“ con tanti buchi, i quali corrispondono ai follicoli immaturi. Questo problema spesso è collegato ad un disturbo dell'ovulazione e di conseguenza può essere una cause per l'infertilità.


I motivi per la sindrome PCO non sono ben definiti. Probabilmente si tratta di un disturbo ipofisiario della stimolazione ovarica che è dovuto alla mancante produzione di ormone luteinizzante. Altri motivi possono essere il sovrappeso, così come la concentrazione elevata di ormoni maschili.


In alcuni casi la sindrome PCO è basato su un disturbo del metabolismo e può portare, in un momento più tardi nella vita, a problemi cardiovascolari e disturbi del metabolismo degli zuccheri (diabete). Per questo motivo è importante che le pazienti con l'ovaio policistico facciano degli esami e vengano trattate anche quando l'infertilità non è al centro dell'attenzione.

Gli androgeni


Una produzione eccessiva di androgeni (ormoni sessuali che stimolano lo sviluppo delle caratteristiche maschili come la crescita della barba) può portare all'infertilitá femminile. Ne fanno parte il testosterone e l'androstendione che vengono prodotti principalmente nelle teca follicolari dell'ovaio (organo sessuale femminile), mentre il DHEA-S e il 17 idrossiprogesterone sono prodotti della ghiandola surrenale.


La terapia:

La terapia dell'iperandrogenemia è più facile per le pazienti che non sono in cerca di una gravidanza e che, per motivi cosmetici, desiderano eliminare i sintomi di questa patologia. Tramite la somministrazione di vari dosaggi di anti-androgeni come il ciproteronacetato (2-100mg/d) è possibile fare effetto sui ricettori degli androgeni e così ottenere un miglioramento se non la cura dei disturbi iperandrogenemici.


Per le pazienti che desiderano una gravidanza questo tipo di trattamento è sconsigliato e l'iperandrogenemia deve essere curata soltanto nel caso di anovulazione (assenza dell'ovulazione) o amenorrea (assenza del ciclo mestruale). La terapia è simile a quella per il sindrome PCO: tramite la downregulazione della produzione gonadotropinica si interrompe la stimolazione delle teca follicolari e di conseguenza si abbassano gli androgeni. Di seguito il ciclo naturale deve essere ristabilizzato tramite la somministrazione sostitutiva di gonadotropine, utilizzando prodotti a base di FSH. In caso di sospetta iperandrogenemia adrenale (surrenale) in passato è stato ottenuto un aumento delle percentuali di gravidanza, grazie all'uso di prednisolone.



Saremmo lieti di potervi fornire più informazioni presso le nostre cliniche TFP. Contattateci!

Offriamo questo servizio nelle seguenti cliniche:

More treatments

Vuoi saperne di più sulla nostra diagnostica?

Pre-footer

Pronto per il prossimo passo? Siamo qui per te!

Prenota ora un appuntamento online - e avvicinati un po' alla famiglia dei tuoi desideri.